Abolizione spesometro 2018: via alla fattura elettronica nel 2019

Abolizione spesometro 2018 con la fattura elettronica nel 2019: data scadenza spesometro trimestre e semestre e cos'è la fattura elettronica obbligatoria

Commenti 0Stampa

Abolizione spesometro 2018: nel 2019 lo spesometro sarà abolito e sostituito dalla fattura elettronica obbligatoria.

Si tratta di una nuova manovra prevista dalla Legge di Bilancio che ha il fine di combattere e ridurre l'evasione fiscale.

Scopriamo in questo articolo:

la data in cui verrà abolito lo spesometro;

le prossime scadenze relative al trimestre;

le prossime scadenze relative al semestre;

come verrà sostituito lo spesometro;

cos'è la fattura elettronica obbligatoria.

 

Abolizione spesometro 2018

Dal prossimo anno ci sarà l'abolizione dello spesometro, uno strumento che è entrato a far parte del Fisco italiano diversi anni fa.

Quest'ultimo, che era entrato in funzione per combattere e ridurre l'evasione fiscale, verrà rimpiazzato con uno strumento che ha lo stesso compito, il cui nome è la nuova fattura elettronica.

C'è ancora tempo per prendere confidenza con quanto dettato dalla Legge di Bilancio 2018 dato che nel corso dell'anno corrente bisognerà continuare a rispettare tutte quelle che sono le scadenze dello spesometro.

Queste ultime, continuano ad essere in piedi verso i seguenti soggetti:

  • tutti i titolari di Partita Iva;
  • le imprese;
  • i lavoratori autonomi.

Spesometro 2018: scopriamo tutte le ultime scadenze di questo strumento dell'Agenzia delle Entrate. 

 

Scadenza spesometro semestre

Le scadenze dello spesometro 2018 possono essere semestrali o trimestrali.

Si tratta di un fattore opzionale.

Il contribuente può decidere di dichiarare le proprie movimentazioni soggette ad Iva con cadenza trimestrale o semestrale.

Questa è una novità relativa solo al 2018 dato che lo scorso anno la scadenza era solo ed esclusivamente semestrale.

Ecco le scadenze semestrali di quest'anno:

  • 1° semestre scadenza al 1° ottobre 2018;
  • 2° semestre scadenza al 28 febbraio 2019.

Proroga spesometro: da non dimenticare la proroga che c'è stata per il secondo semestre dello scorso anno che ha visto slittare la sua scadenza al 6 aprile 2018.

Questi tutti i dati relativi alla scadenza spesometro semestre.

 

Scadenza spesometro trimestre

Scadenza spesometro trimestrale: tutti i soggetti interessati e investiti dallo spesometro che intendono rispettare le cadenze trimestrali di questo strumento dell'Agenzia delle Entrate dovranno rispettare le date che seguono.

Spesometro scadenze trimestrali 2018:

  • 1° trimestre scadenza al 31 maggio 2018;
  • 2° trimestre scadenza al 1° ottobre 2018;
  • 3° trimestre scadenza al 30 novembre 2018;
  • 4° trimestre scadenza al 28 febbraio 2019.

Queste sono tutte le date relative alle scadenze trimestrali dello spesometro.

Come evidenziato, il 28 febbraio 2019 sarà la data effettiva in cui lo spesometro andrà in pensione.

Il suo posto verrà preso dal nuovo strumento del Fisco italiano: la fattura elettronica obbligatoria, che già da quest'anno verrà utilizzata per i carburanti e che scopriamo nel prossimo paragrafo.

 

Cos'è la fattura elettronica obbligatoria

Cos'è la fattura elettronica obbligatoria? La fattura elettronica è il nuovo obbligo di fatturazione elettronica che riguarda tutti quelli che sono i soggetti Iva.

Come abbiamo visto in questo articolo si tratta di una nuova manovra che entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2019.

La nuova fattura elettronica riguarderà:

  • cessione di beni;
  • prestazioni di servizi.

La comunicazione della fattura elettronica dovrà avvenire entro e non oltre l'ultimo giorno del mese successivo dalla data dell'operazione.

Dal 1° gennaio 2019 tutte le transazioni che non vengono registrate mediante la fattura elettronica saranno ritenute non emesse e quindi saranno soggette a sanzioni.

La comunicazione delle fatture elettroniche avverrà mediante il Sistema dell'Agenzia delle Entrate.

Per quanto riguarda, invece, la fattura elettronica carburante, l'obbligo scatterà dal 1° luglio 2018.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?