Alessandro Di Battista biografia 2017: M5S, curriculum e vita privata

Alessandro Di Battista M5S biografia 2017 curriculum, stipendio quanto guadagna Movimento 5 Stelle la ex fidanzata Ana e il padre Vittorio età altezza peso

Commenti 0Stampa

Alessandro Di Battista biografia 2017 del giovane politico del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, dov'è nato, i suoi studi, tutto il suo curriculum, dalle esperienze umanitarie alla politica, fino alle curiosità di questo piccolo grande leader: dal padre Vittorio alla vita privata.

 

Chi è Alessandro Di Battista? Biografia 2017

La biografia di Alessandro Di Battista, il politico del Movimento 5 Stelle, comincia a Roma dove nasce il 4 agosto del 1978. I genitori si trasferirono nella Capitale prima della sua nascita ma le sue origini sono del viterbese dato che sia la madre che il padre provengono da Civita Castellana.

L'area politica Alessandro Di Battista la può respirare quando è ancora molto piccolo data l'attività del padre Vittorio presso il Comune di Civita Castellana come Consigliere Comunale nel partito MSI (Movimento Sociale Italiano).

Laurea: tuttavia gli interessi dell'adolescente Alessandro sembrano essere ben altri dati gli studi che intraprende: dopo essersi diplomato con voto 46/60 al Liceo Scientifico Farnesina intraprende un percorso artistico iscrivendosi alla Facoltà di Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo (DAMS) presso la terza università romana, Roma 3.

L'area universitaria, i problemi di Roma e della Penisola, la crisi politica e sociale che l'Italia attraversa portano il giovane Alessandro Di Battista, dopo essersi laureato al DAMS con il massimo di voti e tanto di lode, a prendere un percorso differente presso l'università La Sapienza di Roma dove consegue un Master di Secondo Livello in Tutela Internazionale dei Diritti Umani.

Per maggiori info: Alessandro Di Battista biografia

 

Alessandro di Battista curriculum e carriera politica:

Solidarietà e altruismo sono gli aggettivi che colorano la vita di Alessandro Di Battista che dopo gli studi decide di lavorare come cooperante in Guatemala. In questa importante esperienza della sua vita si occupa dell'istruzione delle comunità indigene e per lo sviluppo di progetti a lungo termine per le stesse.

E mentre la sua coscienza politica comincia ad emergere, Alessandro Di Battista continua ad arricchire il suo curriculum e le sue esperienze di vita tra un paese e l'altro: nel 2008 si reca in Congo dove analizza e si occupa di microcredito. Dopo quest'ultima esperienza, sempre lo stesso anno, tramite l'UNESCO, mette in atto le sue competenze per i diritti dell'alimentazione su scala mondiale.

La sua vita continua a portarlo in giro per il mondo dove principalmente Alessandro Di Battista si occupa di diritti verso le categorie più deboli e di problemi di portata mondiale come la fame nel mondo, dalla collaborazione con Amka Onlus, la Caritas ma anche nel suo paese d'origine dove collabora con il Consiglio italiano.

Sulle nuove politiche continentali di Alessandro Di Battista è il titolo del primo libro a cui lavora e che lo porta in diversi paesi del mondo, come Patagonia, Cile, Bolivia, Amazzonia, Ecuador, Colombia, Perù e Nicaragua.

Nel 2011 è già parte della realtà Movimento 5 Stelle e la sua esperienza, nonché il suo notevole curriculum, formatosi tra un continente e l'altro (infatti il giovane Di Battista parla spagnolo, portoghese e inglese), lo spingono a collaborare con il blog di Beppe Grillo dove pubblica un editoriale sui problemi causati in Guatemala dall'Enel dal titolo L'Enel e il popolo Maya di Alessandro Di Battista.

Le informazioni di quest'ultimo contenuto sconvolgono i lettori e l'opinione pubblica che fa arrivare la questione su scala nazionale con l'apertura di un'inchiesta parlamentare.

Dopo i reportage sul blog di Beppe Grillo si ritrova a collaborare con la Casaleggio Associati che gli commissiona un libro che lo porta nuovamente in giro per il mondo tra il Guatemala, la Colombia, l'Ecuador e Panama, dove raccogliere materiale a sufficienza per il suo lavoro Sicari a cinque euro di Alessandro Di Battista edito della Casaleggio Associati.

Il libro riporta tematiche molto forti che si vivono nei paesi dove Alessandro Di Battista a modo di andare, la realtà dei sicari d'oggi e le diverse riflessioni dell'autore assieme ad analisi e soluzioni.

 

Alessandro e il padre Vittorio Di Battista

Sono stati in molti, dai giornali ai politici, a cercare un legame etico tra padre e figlio (molto spesso anche con intento malizioso), ma l'unico legame che lega i due personaggi politici è solo quello di sangue.

Chi è Vittorio Di Battista? Imprenditore nel settore delle ceramiche, nato e cresciuto nel comune di Civita Castellana, oggi oltre i settant'anni (74 nel 2015), ha cominciato la sua attività politica nel fiore degli scontri tra destra e sinistra, nei lontani anni Sessanta quando la politica divideva un'intera generazione tra i due schieramenti. Personaggio di destra, Vittorio Di Battista, ha cominciato la sua attività politica come Consigliere Comunale a Civita Castellana, per poi passare in diversi partiti, dall'Idv (per un breve periodo), Alleanza Nazionale (An), Fiamma Tricolore e Fronte Nazionale. In diverse occasioni Vittorio Di Battista si è dichiarato fascista ma le sue posizioni politiche, nonostante gli attacchi che in diversi politici e giornalisti hanno provato ad avanzare verso il giovane grillino, sono molto lontane dal figlio, impegnato su tutt'altro percorso politico e umano, come lo dimostra il suo curriculum.

 

Alessandro di Battista e il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo

Gli impegni di natura internazionale non nascondono ad Alessandro Di Battista i disagi che il suo paese vive sotto il punto di vista politico, economico e sociale.

Con la nascita del Movimento 5 Stelle, nel 2005 Amici di Beppe Grillo, all'età di 27 anni Di Battista decide di impegnarsi in prima persona per cambiare le sorti di un'Italia che anno dopo anno affonda in una crisi economica che non trova risoluzioni tra le diverse gestioni di Centrodestra e Centrosinistra.

E se l'intento di Beppe Grillo è quello di risvegliare le coscienze politiche dei cittadini italiani, di sicuro riesce nel suo obiettivo con Alessandro Di Battista che passa i primi anni a collaborare con il Movimento 5 Stelle per poi candidarsi, nel 2008, come Consigliere Comunale nella lista Amici di Beppe Grillo. L'elezione non è un successo per l'ancora troppo giovane realtà politica che cerca di essere il più diretta possibile tramite il web, ma Alessandro Di Battista va avanti con il suo intento diventando portavoce nella Regione Lazio del Movimento 5 Stelle.

Banchetti per le strade, proteste, proposte e lotte propense ad aiutare i più deboli permettono al Movimento 5 Stelle di allargare notevolmente il suo elettorato in un lasso di tempo molto ridotto.

Alessandro Di Battista, che partecipa attivamente e in prima linea, ha modo di mettere in atto le sua notevole esperienza di vita e di consolidare un curriculum politico che si forma giorno dopo giorno con il dialogo diretto verso il popolo.

Tra il 3 e il 6 dicembre 2012 risulta essere tra i preferiti nella circoscrizione Lazio 1 (dove ottiene il quarto posto) in quelle che sono le primarie via web (dal nome Parlamentarie) della realtà politica penta stellare.

Più di due mesi dopo viene eletto alle elezioni politiche del febbraio 2013 alla Camera dei Deputati. Il deputato Alessandro Di Battista si ritrova a cavalcare l'ondata di voti che il Movimento 5 Stelle ottiene rimanendo fedele al programma presentato ai cittadini durante le elezioni politiche, rinunciando a tutti i privilegi politici, restituendo i soldi dei rimborsi elettorali (fu la prima volta nella storia d'Italia) e lavorando come deputato con uno stipendio di 2.500 euro al mese.

Competente e dedito al ruolo che gli elettori gli hanno assegnato, il 7 maggio del 2013 al 2015, è vicepresidente della commissione Affari Esteri e Comunitari.

Da allora il curriculum politico di Alessandro Di Battista è cresciuto lasciando, tuttavia, il giovane politico quello di sempre, vicino alle persone, attento ai più bisognosi e fedele ai suoi elettori.

Il 7 agosto 2016, Alessandro Di Battista, intraprende un tour elettorale in moto per promuovere il no al referendum e riforma costituzionale Renzi-Boschi.

 

Stipendio Alessandro Di Battista: quanto guadagna?

Lo stipendio di Alessandro Di Battista come parlamentare alla Camera dei Deputati è di 2.500 euro al mese, una cifra che è fortemente ridotta per una scelta personale che il giovane politico ha fatto assieme ai suoi colleghi del Movimento 5 Stelle.

Ad oggi un deputato della Camera dei Deputati guadagna:

  • stipendio netto di euro 5.000;
  • diaria euro 3.503;
  • rimborsi obbligatori euro 1.845;
  • viaggi euro 1.331;
  • telefono euro 100.

La somma totale, secondo quanto riportato dal Il Fatto Quotidiano nell'articolo Stipendi Politica, ammonta ad euro 80,000 l'anno esentasse. Un importo notevole al quale gli eletti del Movimento 5 Stelle hanno rinunciato, dando vita al fondo per la piccola e media impresa e restituendo direttamente i soldi ai cittadini italiani.

 

Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio

Dalle elezioni politiche del 2013 ad oggi Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio sono stati tra gli esponenti del Movimento 5 Stelle ad essere più apprezzati nel contesto politico. Quasi senza volerlo i due si ritrovano ad essere un punto di riferimento nel movimento dove uno vale uno e dove sono gli elettori a decidere. Infatti si parla di incarichi prestigiosi per i due, da chi ipotizza alla figura di Presidente del Consiglio fino alla successione di Beppe Grillo.

E mentre sono in molti a pensare che Luigi Di Maio sarebbe il candidato ideale come Presidente del Consiglio, dopo la fine di Ignazio Marino come Sindaco di Roma c'è chi propone Alessandro Di Battista come primo cittadino della capitale. Tuttavia i due giovani politici, umili e composti, non hanno lasciato dichiarazioni in merito.

 

Di Battista e Sindaco Di Roma:

È il 1° novembre 2015 e Ignazio Marino perde la carica di Sindaco di Roma, dopo aver presentato le dimissioni il 12 ottobre per poi ritirarle il 29 dello stesso mese, a seguito delle dimissioni di 26 consiglieri comunali avvenute il 30 ottobre 2015.

L'evento accentua i problemi che la Capitale sta vivendo da diverso tempo nonché il dilemma del Partito Democratico che dimostra di essere diviso in correnti interne.

Così ora Roma si ritrova senza Sindaco e in un momento delicato si prepara alle nuove elezioni Sindaco di Roma .

Fratelli d'Italia, con un possibile sostegno della Lega Nord di Matteo Salvini, porta avanti il nome della leader romana Giorgia Meloni.

Silvio Berlusconi dichiara di essere alla ricerca di un candidato manager sia per la città di Roma che per quella di Milano (tuttavia ad oggi non ci sono nomi certi nelle liste di Forza Italia per entrambe le città e non si esclude una possibile alleanza con la Lega Nord).

Il Movimento 5 Stelle, che ha continuato a dimostrare stabilità e soprattutto onesta sia a livello nazionale che comunale, sembra essere tra le realtà politiche più stimate nel difficile contesto. Ed in questa situazione Alessandro Di Battista risulta essere tra gli esponenti più favoriti per la candidatura a Sindaco di Roma, sia dal web che dagli stessi elettori.

Tuttavia ad oggi il giovane politico del Movimento 5 Stelle ha dichiarato che non si candiderà alla carica di Sindaco per via del suo mandato parlamentare che intende portare a termine nel rispetto degli elettori. Nonostante questo Alessandro Di Battista ci tiene a rassicurare gli elettori romani facendo presente che tutto il movimento sta lavorando ad un piano adeguato su Roma e che si troverà la persona giusta per tale ruolo.

La persona giusta sarà, Virginia Raggi, eletta sindaco di Roma.

 

Alessandro Di Battista vita privata: ex fidanzata Ana, Età, altezza peso e curiosità

“Dibba” per gli amici, onorevole Di Battista alla Camera, sono molte le curiosità che vengono ricercate dietro il politico del Movimento 5 Stelle. Eccone alcune.

Alessandro Di Battista è fidanzato? Il giovane politico fidanzato da diversi anni con l'amatissima Ana, si sono lasciati all'inizio dell'estate 2016. A quando la nuova fidanzata 2017 per Dibba?

Alessandro Di Battista Età e data di nascita: è nato il 4 agosto del 1978 a Roma, il politico del Movimento 5 Stelle ha oggi 38 anni.

Alessandro Di Battista è laziale o romanista? Appassionato di calcio quel che basta, Alessandro Di Battista non nega di essere tifoso della Lazio.

Alessandro Di Battista è Vegetariano? La risposta è no ma vale la pena di sapere quello che c'è dopo. Il politico del Movimento 5 Stelle aveva rilasciato un post nel suo blog personale dal titolo Vegetarianismo, povertà e immmigrazione di Alessandro Di Battista, nel quale evidenziava di non essere vegetariano ma di mangiare poca carne per la sua salute (sottolineando che quest'ultima fa male al fisico), per una questione morale (parlando della poca moralità che c'è nel mangiare animali morti) e per gli inimmaginabili (così li definisce) effetti politici ed ambientali. Insomma, Alessandro Di Battista può essere definito un vegetariano a metà.

Alessandro Di Battista altezza e peso: è alto 185 cm e pesa 83 kg;

Alessandro Di Battista ad Amici di Maria De Filippi: l'ultima curiosità della sua vita privata è quella del suo provino come attore alla trasmissione Amici di Maria De Filippi del 2004. Chi l'avrebbe detto che poi la sua strada sarebbe stata tutt'altra.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti