Banca d'Italia cos'è? Cosa fa funzioni sede Bankitalia Ignazio Visco

Che cos'è la banca d'Italia anche detta Bankitalia, dove ha sede, la sua origine e storia, cosa fa, funzioni, come si compone chi è presidente Ignazio Visco

Commenti 0Stampa

Banca d’Italia cos’è cosa fa: ecco cos’è la banca d’Italia che nel gergo giornalstico molto spesso è chiamata Bankitalia con sede a Roma nel Palazzo Koch, la sua origine, quando è stata istituita, le funzioni che svolge, come si compone e chi ne è l’attuale governatore.

 

Banca d’Italia sede e origini:

Banca d’Italia origini: La banca centrale della Repubblica Italiana, è l’istituto parte integrante dell’Eurosistema insieme alle banche centrali nazionali e alla BCE dal 1998.

La Banca d’Italia è stata istituita con la legge n. 449 del 10 agosto del 1893 grazie alla fusione di quattro istituti bancari: La banca nazionale del regno d’Italia, la banca nazionale Toscana, la Banca Toscana di credito per le industrie e il commercio d’Italia e la Banca Romana.

A realizzare l’operazione famiglie storiche di banchieri, ossia i Balduino, i Bastogi e i Bombrini. 

Nel 1900 venne nominato direttore della Banca d’Italia Bonaldo Stringher che fornì all’istituto il ruolo di gestire la politica monetaria italiana.

E’ con il regio decreto legge 6 maggio 1926 n° 812 che la Banca d'Italia ottenne l'esclusiva di emettere moneta.

Banca d'Italia sede: la sede principale di Bankitalia è a Roma.

 

Banca d’Italia cos’è? Cosa fa e funzioni:

In Europa la banca d’Italia svolge il ruolo di autorità nazionale competente nell’ambito del meccanismo di vigilanza unico sulle banche, nonché è l’autorità nazionale operante nell’ambito del meccanismo di risoluzione unico delle banche stesse e delle società che svolgono attività di intermediazione mobiliare.

Le principali funzioni che è chiamata a svolgere la banca d’Italia sono quelle dirette ad assicurare la stabilità monetaria e quella finanziaria, comprendendo numerosi impegni nell’ambito dell’eurosistema e nel contesto internazionale.

La banca d’Italia quindi concorre a decidere su tematiche riguardanti la politica monetaria unica dell’area dell’euro e svolge altri comiti che le sono attribuiti come banca centrale.

Tra le sue funzioni anche lo svolgimento di operazioni in cambi, la gestione delle riserve valutarie proprie e una quota parte dei quelle affidate alla Bce.

La Banca d’Italia inoltre è responsabile della produzione delle banconote in euro e della gestione dell’azione di contrasto alla contraffazione e della circolazione del denaro contante.

Inoltre la banca d’Italia promuove il funzionamento regolare dei sistemi di pagamento gestendo i circuiti principali, e supervisionando i mercati, mirando alla maggiore stabilità dei sistemi finanziari.

La Banca d’Italia tra gli altri suoi compiti è tenuta anche a svolgere compiti di tesoreria, nonché analisi e ricerca in campo economico-finanziario e giuridico.

Per maggiori dettagli Banca d’Italia cos’è e cosa fa.

 

Bankitalia come si compone?

Com'è composta Bankitalia? All’interno della banca d’Italia opera il Direttorio, organo collegiale composto dal Governatore, dal direttore generale e tre vice direttori.

Il Direttorio all’interno di Bankitalia ha il compito di assumere i provvedimenti con maggiore rilevanza esterni e assume le deliberazioni a maggioranza dei presenti.

Oltre al Direttorio, al’linterno della banca d’Italia opera anche il cosiddetto Consiglio superiore, l’organo a cui spetta l’amministrazione generale e la vigilanza sull’andamento della gestione e controllo interno della banca.

E’ il Consiglio superiore di Bankitalia che ha il compito di nominare il Direttore generale, su proposta del Governatore, ei vicedirettori generali.

Il Consiglio superiore è competente per ciò che riguarda gli aspetti gestionali, organizzativi e contabili, adottando le deliberazioni che riguardano l’assetto territoriale e organizzativo generale della banca, approvando inoltre il bilancio annuale e gli accordi presi con le organizzazioni sindacali.

Altro organo operante all’interno della banca d’Italia è il Collegio sindacale che svolge attività di controllo sull’amministrazione della stessa Bankitalia per quanto riguarda l’osservanza della legge, dello Statuto e del regolamento.

In particolare compiti del Collegio sindacale Banca d'Italia sono verificare la regolare tenuta delle scritture contabili e la corretta rivelazione dei fatti di gestione nelle stese scritture, nonché esamina il bilancio e fornisce u proprio parere sulla destinazione dell’utile netto.

Il Collegio sindacale si compone di cinque membri effettivi, un Presidente che rimangono in carica 3 anni e non sono rieleggibili per più di tre volte.

 

Banca d’Italia presidente Ignazio Visco:

A capo della banca d’Italia vi è il governatore.

L’attuale governatore di Banca d'Italia è Ignazio Visco.

Chi è Ignazio Visco presidente di banca d'Italia? Visco è nato a Napoli il 21 novembre del 1949 eletto governatore dal 1 novembre del 2011.

Laureato in Economia e commercio all’Università degli Studi di Roma La sapienza, Ignazio Visco è anche presidente del direttorio integrato dell’IVASS, l’Istituto per la Vigilanza sulle assicurazioni.

Nel 1972 Ignazio Visco venne assunto in baca d’Italia come capo del servizio studi, incarico che ricoprì fino al 1990 e dal 1997 al 2002 fu all’Ocse come Chief Economist e Direttore dell'Economics Department.

Ignazio Visco ha ricevuto l'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica italiana nel 2011.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti