Successore Berlusconi in Forza Italia: chi sarà il suo erede politico?

Successore Berlusconi in Forza Italia chi sarà? Quali sono i nomi possibili candidati a condurre nuovo partito? Quando e come verrà eletto l'erede politico?

Commenti 0Stampa

Chi sarà il successore politico di Silvio Berlusconi? Dopo le ultime dichiarazioni si attende il nome della persona che prenderà il posto del leader del centrodestra da più di vent'anni. Ecco chi sono i possibili successori, come e da chi verranno nominati e quale sarà il destino di Forza Italia

 

Successore Berlusconi chi sarà?

Chi sarà il successore politico dopo Silvio Berlusconi? Tanti nomi tra i possibili eredi dell'attuale leader di Forza Italia ma è difficile immaginare chi sarà in grado di fare le veci di uno degli uomini politici più discussi della Repubblica italiana, un leader che dal 1994 ad oggi ha influenzato la politica italiana tra governi, riforme, questioni legali e personali.

Dove nasce l'esigenza di un nuovo leader di Forza Italia? Le ultime statistiche politiche parlano chiaro, il partito di centrodestra per eccellenza ha perso molti elettori negli ultimi anni ma questo non sembra l'unico motivo. Infatti un altro fattore, forse nemmeno secondario come importanza, è quello dell'età del Presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi. Nato a Milano il 29 settembre del 1936, oggi ha 78 anni e nonostante la grinta di sempre le forze, probabilmente, cominciano a venirgli meno. Inoltre l'interdizione per 6 anni dai pubblici uffici data l'applicazione del testo della Legge Severino fanno pensare che l'ex Cavaliere non ricoprirà più cariche pubbliche.

E così nel mese di maggio Silvio Berlusconi annuncia due grandi cambiamenti: ci sarà un nuovo partito che prenderà il posto di Forza Italia e ci sarà un nuovo leader politico che prederà le sue veci.

 

Chi sarà il nuovo leader di Forza Italia?

Chi sarà il nuovo leader di Forza Italia che prenderà il posto dopo Silvio Berlusconi? Ancora non c'è nessun nome e lo stesso ex Cavaliere evidenzia che non vuole rendere pubblico il suo successore per evitare che venga attaccato dalla stampa e dalle opposizioni diventando fin da subito un nome oggetto della propaganda politica.

Date le poche notizie che Silvio Berlusconi ha dato in merito alla sua sostituzione e all'inizio del suo nuovo partito, non si capisce ancora bene se sarà lui stesso a portare Forza Italia ad un nuovo livello, rendendolo un nuovo partito sotto tutti i punti di vista (nome, logo e membri), oppure che sia direttamente il suo successore.

Conoscendo il modo di agire di Silvio Berlusconi è quasi sicuro che sarà lui stesso a creare il nuovo partito e che lo lascerà in eredità a tutti i suoi elettori e al successore del centrodestra.

 

Quando e come verrà nominato l'erede del presidente?

Quando e come verrà nominato l'erede del presidente Silvio Berlusconi. L'annuncio del nuovo partito e della nuova leadership è arrivato lo scorso maggio e questo fa presumere che l'ex Cavaliere sia al lavoro già da tempo.

Data la perdita dei voti e la stanchezza fisica che il leader di Forza Italia ha dimostrato negli ultimi interventi pubblici è molto probabile che il suo successore verrà nominato entro e non oltre l'anno corrente.

Per quanto riguarda le modalità dell'elezione le regole sono state già dettate: non ci saranno primarie ha fatto sapere Silvio Berlusconi che si riserva il diritto di nominare direttamente ed esclusivamente il suo successore.

Andando a ritroso nella storia politica del centrodestra di Forza Italia e del Popolo delle Libertà emerge come le primarie non siano state quasi mai gradite. Anzi l'assenza di queste ultime hanno portato anche a grandi conflitti interni come la rottura di Giorgia Meloni con il Pdl nel 2013.

Sia che gli elettori si sentano maggiormente rappresentanti dalle selezione delle primarie che non, Silvio Berlusconi sceglierà da solo ed in autonomia il suo successore, una figura che erediterà più di vent'anni di politica.

 

Quale sarà il nuovo partito di Silvio Berlusconi?

Quale sarà il nuovo partito di Silvio Berlusconi? Ancora non è stato reso noto il nome, il logo, l'inno e la sede (che molto probabilmente rimarrà invariata con l'attuale di FI).

Ma se sulle questioni pratiche l'ex Cavaliere preferisce non esprimersi, al contrario sull'ideologia ci sono già le fondamenta.

Silvio Berlusconi ha pubblicamente dichiarato che il nuovo partito sarà pensato nel programma elettorale e nelle scelte politiche per racchiudere tutti gli elettori moderati in Italia.

Sicuramente l'intendo dell'ex Cavaliere è quello di riprendere la parte dell'elettorato andata al Partito Democratico, al Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, al Nuovo Centrodestra di Alfano ed anche alla Lega Nord, quest'ultimo decisamente in aumento con la guida di Matteo Salvini.

Infatti il nuovo partito di Silvio Berlusconi sarà lanciato, molto probabilmente dallo stesso leader, per riprendere l'attuale situazione del centrodestra, decisamente in calo dei voti.

 

Sondaggi e nomi dei possibili successori di Forza Italia

Sondaggi e nomi dei possibili successori di Forza Italia e del nuovo partito di Silvio Berlusconi appaiono in una cerchia ristretta. L'ex Cavaliere non ha ancora fatto nessun nome, ma quello che è certo è che si tratterà di uno dei suoi fedeli uomini, quelli che hanno accompagnato la sua politica e che gli sono stati sempre vicino, da Forza Italia al Popolo delle Libertà, per poi tornare a FI 2.0.

Durante l'annuncio del suo successore, l'attuale leader di centrodestra ha fatto sapere che sono 2 o 3 le persone che potrebbero attualmente prendere il suo posto.

Ecco la rosa di possibili successori di Silvio Berlusconi:

  • Mara Carfagna, da sempre fedele alle linea politica del centrodestra dell'ex Cavaliere;

  • Francesco Toti e la sua biografia parlano di un uomo nato professionalmente come giornalista in Mediaset, da sempre persona di fiducia per l'attuale leader di Forza Italia che lo ha lasciato scalare le vette di Studio Aperto e del Tg4 come direttore per poi mandarlo nella campagna elettorale delle regionali 2015 dove si è guadagnato le Presidenza della Regione Liguria.

  • Marina Berlusconi e la sua storia fanno sì che lei è la figlia professionalmente prediletta dato il suo curriculum e dato il modo con cui si è sempre presa cura degli affari di famiglia. Anche se papà Berlusconi ha fatto sapere che non la “sacrificherebbe” non è da escludere la successione in famiglia.

Tra i sondaggi questi sono sicuramente i tre nomi più probabili per la successione ma potrebbero esserci colpi di scena dietro l'angolo. Non resta che attendere le nuove mosse politiche di Silvio Berlusconi.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti