Chiara Appendino biografia 2017 marito studi carriera politica M5S

Biografia di Chiara Appendino età marito figli altezza, come ha iniziato la sua carriera politica, quando è diventata sindaco di Torino e le critiche

Commenti 0Stampa

Chiara Appendino biografia 2017: ecco la biografia di Chiara Appendino, il sindaco di Torino eletta tra le file del Movimento Cinque Stelle.

Biografia di Chiara Appendino marito e la figlia Sara, dove e quando è nata, età altezza, gli studi fatti di maturità classica e la laurea, come ha iniziato la sua carriera politica e lavorativa nella Juventus, quando è stata eletta sindaco di Torino e le critiche dei suoi oppositori e anche recentemente per l’utilizzo dei voucher per pagare i lavoratori del comune.

 

Chiara Appendino biografia 2017 età altezza studi marito e figli:

Chiara Appendino biografia 2017: Chiara Appendino nasce a Moncalieri in provincia di Torino il 12 giugno del 1984, ha quindi 32 anni di età.

Il padre è Domenico Appendino, un importante manager dell’industria mentre la madre è una professoressa di inglese.

Chiara Appendino prende la maturità al Liceo Classico Vincenzo Gioberti di Torino e poi si laurea i con lode n Economia internazionale e management con una tesi di marketing sulle strategie di entrata nel mercato cinese.

In seguito Chiara Appendino di specializza in Economia e finanza presso l’Università Bocconi di Milano.

Nell’ ultimo anno di università Chiara Appendino ha effettuato uno stage alla Juventus S.p.a., dove ha preparato una tesi dal titolo “La valutazione del parco calciatori”.

Poi ha lavorato come controller per la Juventus Football club dal settembre 2007 a gennaio 2010 e poi dal 1º gennaio 2010 diventa come responsabile amministrazione, finanza e controllo presso la Pmi del marito.

Chiara Appendino marito: Il marito si chiama Marco Lavatelli e sono sposati dal 2010.

Chiara Appendino figli: ha una bambina di nome Sara, nata il 19 gennaio 2016.

Chiara Appendino altezza: è alta un metro e settanta centimetri.

Per maggiori dettagli Chiara Appendino biografia 2017.

 

Biografia di Chiara Appendino carriera politica da SEL al M5s:

La carriera politica di Chiara Appendino inizia avvicinandosi molto giovane a SEL, Sinistra Ecologia e Libertà guidata da Nichi Vendola.

Sarà poi nel 2010 che Chiara Appendino si avvicinerà al movimento Cinque Stelle, il partito fondato dal comico genovese Beppe grillo e da Gianroberto Casaleggio.

Partecipa così attivamente al meet up, ossia l’organizzazione territoriale del Movimento Cinque stelle, della sua città Torino.

Chiara Appendino si presenta alle elezioni amministrative di Torino nel 2011 e viene eletta come consigliera comunale per il Movimento 5 Stelle raccogliendo 623 consensi.

Numeri non altissimi ma che spingono la giovane torinese a candidarsi come sindaco di Torino – annuncio dato l’8 novembre del 2015 - sempre per il Movimento Cinque Stelle - alle elezioni amministrative del 2015.


Chiara Appendino eletta Sindaca di Torino:

Alle elezioni comunali del 2015, Chiara Appendino ottiene al primo turno il 30,92% dei voti e va al ballottaggio con il sindaco uscente Piero Fassino, ottenendo al secondo turno il 54,56% dei consensi contro il 455, 44 per cento di Fassino.

Chiara Appendino è la prima sindaca donna del Comune di Torino con il MoVimento 5 Stelle.

Un’elezione che passerà alla storia della repubblica perché vede vittoriosa a Roma un’altra pentastellata, l’avvocatessa Virginia Raggi.

Due donne per due città molto importanti per di più appartenenti ad un movimento del tutto nuovo nel panorama politico italiano che desta scalpore e curiosità anche all’estero.

Considerata una grillina anomala, Chiara Appendino è spesso sotto i riflettori perchè a differenza dei suoi colleghi pentastellati ha mostrato un carattere diverso.

Il sindaco di Torino infatti ha dimostrato di saper collaborare con diversi avversari politici come Sergio Chiamparino, ex sindaco della città della Molte e presidente della regione tra le file del partito democratico.

L’Appendino stando ai rumor di stampa non avrebbe inoltre firmato il contratto con la Casaleggio Associati.

Inoltre intervistato da un noto quotidiano italiano, Chiara Appendino avrebbe sostenuto di aver rispetto e grande stima sia per Beppe Grillo che per Davide Casaleggio, il figlio dello scomparso Gianroberto, oggi a capo della Casaleggio associati che gestisce il blog di Grillo e la piattaforma dove gli iscritti votano e discutono, ma per le decisioni da prendere  a livello comunale per la città di Torino vi sono giunta e consiglio comunale.

Chiara Appendino è stata criticata nei primi mesi del suo opepato da primo cittadino di Torino perché pare abbia operato alcune scelte politiche in continuità con la precedente giunta guidata da Piero Fassino chiamando in causa il vincolo del bilancio.

Esempi ne sono il progetto sull’area ex Westinghouse, nuovi supermercati in varie aree della città e proseguio dei lavori di privatizzazione del parco Michelliti.

Ad additare la sindaca pentastella ambientalisti e comitati.

 

Chiara Appendino voucher Comune Torino:

Oggi le critiche su Chiara Appendino continuano perchè la sindaca ha deciso di dare via libera all’utilizzo dei voucher per pagare alcuni lavori per il comune.

Fino al 27 gennaio 2017 sarà in vigore il bando per selezionare 50 giovani sotto i 30 anni che dovranno collaborare con i meditatori culturali del comune  e tali soggetti saranno pagati con i voucher, i buoni lavoro da 10 euro l’uno, ossia 7,540 euro netti.

La critica ala sindaca della città della Molte arriva dal fatto che il movimento Cinque Stelle di cui fa parte ha sempre criticato l’utilizzo dei voucher, di cui ora anche il governo ha deciso di regolamentarne l’uso visto l’abuso degli ultimi tempio.

Lo stesso Grillo ha parlato nel suo blog dei voucher come mezzi che hanno fatto sprofondare verso il basso il mondo del lavoro.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti