Commissioni parlamentari il governo si scontra sulla giustizia

Commissioni parlamentari: il Governo Letta si scontra sulla Commissione Giustizia, Pd e Pdl non trovano l’accordo. Movimento 5 Stelle attacca Sel di Vendola

Commenti 0Stampa

Grande tensione in parlamento per l’assegnazione delle commissioni. Il Governo Letta elegge i presidenti delle commissioni parlamentari. Non sono mancate le polemiche per Fabrizio Cicchitto (iscritto alla loggia P2), Roberto Formigoni (indagato per corruzione e associazione a delinquere) e per lo scontro Pd-Pdl sulla mancata elezione di Francesco Nitto Palma alla Commissione di Giustizia.

 

I presidenti delle commissione alla Camera

Alla Camera dei Deputati sono stati eletti i seguenti presidenti:

Francesco Boccia del Pd alla Commissione di Bilancio;

Donatella Ferrarnti del Pd alla Commissione della Giustizia;

Ermete Realacci del Pd alla Commissione dell’Ambiente;

Luca Sani del Pd alla Commissione dell’Agricoltura;

Cesare Damiano del Pd alla Commissione del Lavoro;

Michele Meta del Pd alla Commissione del Trasporto;

Guglielmo Epifani del Pd alla Commissione delle Attività Produttive;

Michele Bordo del Pd alla Commissione delle Politiche Europee.

Pier Paolo Vargiu di Scelta Civica alla Commissione degli Affari Sociali.

Daniele Capezzone del Pdl alla Commissione delle Finanze;

Fabrizio Cicchitto del Pdl alla Commissione degli Esteri;

Francesco Paolo Sisto del Pdl alla Commissione degli Affari Costituzionali;

Giancarlo Galan del Pdl alla Commissione della Cultura;

Elio Vito del Pdl alla Commissione della Difesa.

 

I presidenti delle commissione al Senato

Al Senato della Repubblica sono stati eletti i seguenti presidenti:

Mauro Maria Marino del Pd alla Commissione delle Finanze;

Anna Finocchiaro del Pd alla Commissione degli Affari Costituzionali;

Nicola Latorre del Pd alla Commissione della Difesa;

Massimo Mucchetti del Pd alla Commissione dell’Industria;

Emilia Grazia De Biasi del Pd alla Commissione della Sanità;

Andrea Marcucci del Pd alla Commissione della Cultura.

Pier Ferdinando Casini di Scelta Civica alla Commissione degli Esteri.

Antonio Azzollini del Pdl alla Commissione di Bilancio;

Giuseppe Francesco Maria Marinello del Pdl alla Commissione dell’ambiente;

Altero Matteoli del Pdl alla Commissione dei Lavori Pubblici e Telecomunicazioni;

Maurizio Sacconi del Pdl alla Commissione del Lavoro;

Roberto Formigoni del Pdl alla Commissione dell’Agricoltura.

Per il momento al Senato bisogna decidere sul Presidente delle Politiche Europee e sul Presidente della giustizia, difficile questione per il Governo Letta.

 

Lo scontro Pd-Pdl sulla Commissione

È saltato l’accordo tra Pd e Pdl sul Presidente della Commissione Giustizia al Senato della Repubblica. Francesco Nitto Palma del Pdl ha ricevuto alla prima elezione 12 voti, mentre alla seconda 13. I voti necessari per la sua elezione erano 14 e lo stesso Nitto Palma ha specificato che la sua candidatura era voluta dal Pdl come d’accordo con il Pd, precisando che non è stato lui a candidarsi e quindi non capisce la mancata elezione.

Dure le reazioni degli esponenti del Pdl sul mancato accordo. Renato Schifani sottolinea che è il solito gioco dei franchi tiratori, chiaramente una mossa politica. Maurizio Gasbarri specifica che il Pdl è un partito serio e che non è ammissibile che ci sia il caos come nel Pd. Per Gasbarri è inaccettabile quanto accaduto. Felice Casson del Pd sostiene che il Partito Democratico rispetterà la scelta del candidato condiviso.

 

La presidenza di La Russa

Nonostante l’opposizione di Fratelli d’Italia, la Presidenza per la Giunta delle Autorizzazioni a Procedere alla Camera è andata ad Ignazio La Russa. Il capogruppo alla Camera del Movimento 5 Stelle ha definito tale azione una “porcata” dato che il partito di La Russa si troverebbe all’opposizione. Inoltre, il Pdl ha dovuto cedere uno dei suoi tre seggi nella giunta a Fratelli d’Italia, con il consenso del Presidente della Camera Laura Boldrini, altrimenti non sarebbe stato possibile, secondo il regolamento, eleggere Ignazio La Russa.

 

La presidenza di D’Ambrosio dei 5 Selle

Giuseppe D’Ambrosio del Movimento 5 Stelle è stato eletto Presidente della Giunta delle Elezioni alla Camera dei Deputati.

Il Movimento 5 Stelle ha proposto Vito Crimi per la presidenza del Copasir e Roberto Fico alla presidenza della Vigilanza Rai.

 

Scontro tra Sel e Movimento 5 Stelle

Il partito di Sel ha attaccato il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo per tutte le nomine di vicepresidente che gli sono state attribuite. Secondo Gennaro Migliore, capogruppo alla Camera di Sel, non avrebbero dovuto accettare tutte quelle cariche in quanto opposizione.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti