Epifani candidato del Partito Democratico contro gli Occupy del Pd

Epifani candidato come segretario generale del Pd ma gli Occupy del partito sono contrari. Franceschini, Bersani e Renzi appoggiano l’ex sindacalista

Commenti 0Stampa

Il nome di Gianni Cuperlo sembra essere saltato per la candidatura di segretario generale del Pd. E, assieme a quella di Cuperlo, salta anche quella del capogruppo alla Camera, Roberto Speranza. Inizialmente sembrava certo il nome di Cuperlo ma non è così.

In quanto a Roberto Speranza, i colleghi del Pd non sono riusciti a convincerlo. Ed allora il Partito Democratico sarà (non è ufficiale ma ormai è sicuro) “traghettato” dall’uomo della Cgil, Guglielmo Epifani, che guiderà la segreteria generale del Pd fino al mese di ottobre, quando si voterà per il nuovo segretario di partito.

 

La conferma di Guglielmo Epifani

A confermare la scelta non ancora ufficiale di Epifani è una nota del partito, secondo la quale il gruppo indicato per preparare l’Assemblea Generale, dopo due giorni di lavoro è compatta sul nome di Guglielmo Epifani.

Secondo la stessa nota il nome di Epifani sarebbe ideale per guidare il Pd in questo difficile momento politico e fino alla prossima elezione del nuovo segretario generale prevista per ottobre dell’anno corrente.

La nota è firmata dai vicepresidenti dell’Assemblea Generale Marina Sereni, Ivan Scalfarotto, e dai capogruppo Roberto Speranza, Luigi Zanda, David Sassoli e Enzo Amendola coordinatore dei segretari regionali.

 

Le reazioni all’interno de Partito Democratico

Il nome di Guglielmo Epifani sembra trovare una certa armonia all’interno del Pd.

Secondo Franceschini, Epifani riuscirebbe a tenere unito il partito che a sua volta rimarrebbe senza problemi dentro il Governo Letta.

Il capogruppo della Camera Roberto Speranza condivide la scelta e trova che sia la persona più giusta in questo momento.

Simona Bonafè, vicina alla corrente dei renziani, spiega che anche per lei Epifani è la persona più giusta in questo difficile momento del Partito Democratico.

Sul nome Epifani si esprime anche il segretario generale uscente Pier Luigi Bersani, che dice di aver fiducia nel Pd, un partito che ha molto da dare e che non è così confuso come si pensa. Sembrerebbe che la candidatura di Guglielmo Epifani sia stata portata avanti proprio dallo stesso Bersani.

Epifani invece scherza sulla sua nomina e invita tutti ad aspettare la conferma ufficiale della segreteria generale.

Fabrizio Barca specifica quelli che sono ora i compiti di chi ricoprirà l’incarico di segretario generale, un ruolo che deve dare appoggio ad Enrico Letta che deve sentire alle sue spalle un partito forte e compatto e anche una persona che sia nella condizione di innovare e di capire quelli sono stati gli errori gravissimi del Pd.

 

Le critiche contro Epifani e il Pd

Non è dello stesso parere dei suoi colleghi Pippo Civati: “Se c’è la candidatura di Guglielmo Epifani, ci sarà una epifania di candidati”. Civati ha pronunciato le seguenti parole davanti ai ragazzi di Occupy Pd, anche loro contrari alla figura di Epifani e che domani protesteranno durante l’assemblea del partito. Pippo Civati ha anche aggiunto che su questa linea il Pd rischia di morire totalmente come partito. Parole decisamente diverse rispetto a quelle esposte da Pier Luigi Bersani.

 

L’assemblea nazionale del Pd

Dalle 10 di oggi partirà la nuova assemblea del Pd presso la Nuova fiera di Roma. Oltre alla discussione del nuovo segretario, ci sarà anche la discussione di quelli che sono i lavori del Pd. Le votazioni saranno a scrutinio segreto e si svolgeranno tra le 14 e le 16. Il candidato eletto dovrà ricevere il 50% dei voti + 1. se questo non avviene ci sarà il ballottaggio tra i primi due. All’assemblea parteciperà anche il Presidente del Consiglio Enrico Letta. Non ci sono molti dubbi sul nuovo segretario generale traghettatore.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti