Francois Hollande biografia 2017 età altezza moglie Presidente Francia

Biografia di Francois Hollande, Presidente della Repubblica di Francia, dove e quando è nato, età altezza moglie studi e laurea e la carriera politica

Commenti 0Stampa

Francois Hollande biografia 2017: la biografia di Francois Hollnde, presidente della Francia, dove e quando è naot, gli studi fatti, come ha iniziato la sua carriera politica, come è diventato presidente e gli anni delle stragi terroristiche.

 

Francois Hollande biografia 2017 età, altezza, laurea e moglie:

Francois Hollande biografia 2017: Hollande, nasce a Rouen, Francia il 12 agosto 1954, ha quindi 62 anni di età ed è alto 170 cm, la sua residenza attuale Palazzo Dell’Eliseo, Parigi.

Hollande, trascorre la sua infanzia a Rouen fino al 1968, anno in cui il padre, un medico, decide di trasferirsi a Parigi dove il giovane Hollande inizia a frequentare il liceo Pasteur, si laurea in giurisprudenza presso l’università di Parigi, ottiene poi il diploma all’ Institute D’ Etudes  Politiques de Paris, una scuola di specializzazione.

Francois Hollande moglie: pur non essendosi mai sposato con Valérie Trierweiler, per tutta la Francia è stata lei la première dame. 

Francosi e Valérie si sono conosciuti nel lontano 1988 ma la loro relazione è inziata solo parecchi anni più tardi, esattamente il 14 aprile 2005.

Il 10 gennaio 2014, in seguito ad una serie di foto pubblicate sulla nota rivista francese, Closer, la relazione con Valerie inizia a traballare, a causa della presunta relazione tra il Presidente della Francia, Hollande con l'attrice Julie Gayet.

Il 18 gennaio 2014, Valerie viene dimessa dall'ospedale dopo un forte episodio di depressione e si trasferisce nella residenza presidenziale de La Lanterne a Versailles.

E' il 25 gennaio 2014, quando François Hollande annuncia la fine della relazione con Valerie.

Per maggiori dettagli Francois Hollande biografia 2017.

 

Biografia di Francois Hollande: la carriera politica

Biografia di Fancois Hollande: Nel 1980 Francois Hollande inizia a lavorare presso la Corte Dei Conti e nel 1984 ne diventa consigliere referendario. Inizia ad occuparsi di politica quando frequenta l ’università militando nel sindacato studentesco. Vicino al Partito Comunista allontanandosi poi per passare al Partito Socialista quando conobbe ed ebbe una relazione con la nipote del leader del P.S.  Francois Mitterand.

Nel 1976 a causa della sua miopia fu esentato dal servizio militare ma fece ricorso e nel gennaio 1977, iniziò il servizio di leva nella scuola ufficiali di Coetquidam, qui conobbe Michel Sapin che sarebbe diventato poi suo Consigliere Economico e Ministro delle Finanze.

Il 1979 è il consulente economico del Partito Socialista guidato dal Segretario Francoise Mitterand, nel 1981 a soli 26 anni fu candidato all’Assemblea Nazionale, sconfitto dal gollista Jaques Chirac per una manciata di voti, nello stesso anno fu assieme a Segolene Royal, assistente di Mitterand per la politica estera.

Nel 1983 fu nominato capo di gabinetto nel governo di Pierre Mauroy.

Dopo la rielezione di Mitterand alla Presidenza della Repubblica, Hollande fu nominato Segretario della Commissione delle Finanze e Relatore del Bilancio della Difesa.

Il Congresso del Partito Socialista del 1990 vede Hollande criticare vivamente i notabili del partito mostrando un’altra immagine di sé, infatti fino a quel momento era da tutti visto come un tecnocrate dal profilo politico non definito.

 

Francois Hollande eletto Presidente della Francia:

IL 1995 è vicino a Lionel Jospin nelle elezioni Presidenziali che lo nomina nel 1997 a Portavoce del Governo, definendolo come il migliore, il più brillante e il più politico tra tutti i dirigenti socialisti.

Nel 1999 venne eletto deputato al Parlamento Europeo, si dimise a fine anno.

Nel 2010 Hollande rifiuta l’incarico di Primo Presidente alla Corte dei Conti offerta dal Presidente della Repubblica Nicolas Sarkozy.

Nel 2011, Hollande decide di candidarsi alle primarie socialista per la corsa all’Eliseo la sua campagna elettorale presentava un programma un linguaggio chiaro e preciso, i suoi punti di forza vertevano su proposte per uscire dalla crisi abbassando le tasse e promettendo meno politiche di austerità.

Aspramente criticato dai suoi stessi compagni di partito ritenendolo inadeguato a ricoprire la carica di presidente non essendo stato mai ministro e appoggiarono la sua rivale alle stesse primarie Martine Aubry, ma il 16 ottobre 2011, Hollande vince le primarie del partito socialista divenendo lo sfidante del presidente uscente Nicolas Sarkozy alle votazioni che si terranno ad aprile 2012, elezioni che lo portano a vincere al secondo turno il ballottaggio, così Francois Hollande viene eletto alla Presidenza della Francia.

 

Francois Hollande critiche ed il terrorismo in Francia:

Nel 2013 inizia la contestazione verso la politica adottata dal presidente Hollande, i negativi risultati economici e l’aumento delle tasse creano malcontenti anche nella sua governance, ma è con l’”AFFARE LEONARDA” che crolla la popolarità Hollande, non più l’assenza dei risultati della sua politica economica, fischi e critiche pesanti sono rivolte all’uomo Hollande, accusato di non essere un presidente con potere decisionale, di non essere stato coraggioso nel fare scelte giuste al momento opportuno, creano una forte delegittimazione presidenziale.

La sua popolarità sembra salire di qualche punto percentuale solo nel gennaio 2015 a seguito degli attentati terroristici jihadisti a Parigi che fecero 17 morti.

Una dura risposta che il governo francese mise in atto per contrastare le minacce alla sicurezza nazionale, tuttavia i nuovi attentati islamici del novembre 2015 a Parigi e del luglio 2016 a Nizza, le sconfitte delle votazioni regionali, cantonali e municipali fanno scendere il Partito Socialista di Hollande al terzo posto dopo il Front National di Marine Le Pen portando il Presidente Hollande a un livello di impopolarità sconosciuto alla Quinta Repubblica Francese.

Verrebbe da dire che l’impopolarità di Hollande  inizia già dal suo  insediamento  all’ Eliseo.

Appena eletto Hollande si reca in Germania dalla Cancelliera tedesca Angela Merkel continuando i rapporti d’intesa tra Francia e Germania tradendo le sue promesse elettorali di porre fine alle politiche di austerità imposte dall’UE ,promesse che tracciano un quadro chiaro quando, in occasione della grave crisi economica greca si dimostrano inflessibile con l’allora presidente Tsipras.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti