Governo Movimento 5 Stelle Lega 2018: accordo reddito di cittadinanza

Governo Movimento 5 Stelle Lega 2018: accordo reddito di cittadinanza tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, cosa prevede e come si attua? Chi lo sostiene?

Commenti 0Stampa

Governo Movimento 5 Stelle Lega 2018: qual è l'accordo sul reddito di cittadinanza? Il reddito di cittadinanza fa parte del nuovo accordo di Governo tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

I due leader politici hanno trovato un accordo per formare il nuovo Esecutivo.

Il nuovo Governo ha trovato i numeri grazie all'accordo che Lega e Movimento 5 Stelle hanno stipulato.

Per attuare un Governo Lega e Movimento 5 Stelle c'è bisogno di un programma che entrambe le forze politiche si impegnano a rispettare davanti agli italiani.

E questo oggi c'è.

Il reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle, è in cima all'accordo.

Scopriamo in questo articolo tutti gli sviluppi.


Governo Movimento 5 Stelle Lega 2018

Governo Movimento 5 Stelle Lega 2018: l'Italia ha un nuovo Governo.

Per molti sarà un disastro per tanti altri un successo.

Dopo che Silvio Berlusconi ha fatto un passo indietro, Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno dato vita al nuovo Governo.

Bisogna vedere dove questo porterà.

Ma il nuovo accordo da una chiara direzione.

Movimento 5 Stelle e Lega Nord sono i due vincitori delle ultime elezioni politiche.

Il Centrodestra è stata la prima coalizione.

Il Movimento 5 Stelle il primo partito.

E' giusto che governino anche se la legge elettorale Rosatellum bis non lo permette.

Ma non dobbiamo dimenticarci che si tratta di due partiti diversi tra loro.

Per questo motivo Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno deciso di creare un programma, un accordo da presentare gli italiani e che il nuovo Governo italiano attuerà.

Tra i punti principali c'è anche il reddito di cittadinanza.

L'accordo di Governo Lega M5S è già stato reso pubblico e Giuseppe Conte è il nuovo Presidente del Consiglio.

Vediamo cos'è il reddito di cittadinanza e come verrà attuato dal nuovo Governo.

 

Reddito di cittadinanza cos'è?

Cos'è il reddito di cittadinanza? Il reddito di cittadinanza è una misura economica che il Movimento 5 Stelle vuole attuare.

Si tratta di un riforma che ha il fine di cambiare una parte dello Stato Sociale Italiano.

Secondo il reddito di cittadinanza, indipendentemente dalla situazione giuridica di un soggetto, se questo si trova sotto la soglia di povertà riceve un sussidio dallo Stato per raggiungere la somma minima per vivere.

Oggi, secondo l'ISTAT, la soglia di povertà in italia è di euro 780.

Quindi, qualora venisse attuato il reddito di cittadinanza, lavoratori, disoccupati e pensionati che sono sotto la soglia di povertà riceverebbero il reddito di cittadinanza per arrivare ad euro 780 al mese.

Questa manovra crea dei vincoli verso il soggetto che la riceve, come:

  • offrire 8 ore alla settimana di lavori pubblici;
  • accettare nuovo offerte di lavoro.

 Come si potrebbe attuare in Italia questa riforma?

 

Accordo sul reddito di cittadinanza

L'accordo sul reddito di cittadinanza nel Governo Movimento 5 Stelle e Lega è tra i principali punti d'interesse.

Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno messo questo aspetto tra i primi punti.

Con una prima bozza di legge si potrà capire come e dov Lega e Movimento 5 Stelle troveranno i numeri per attuare questo accordo.

Stando agli ultimi dati dell'Istat, il reddito di cittadinanza costerebbe circa 17 miliardi di euro allo Stato Italiano.

Luigi Di Maio, durante la campagna elettorale, aveva evidenziato che tale somma si può recuperare attraverso la spesa improduttiva, e la tassazione sul gioco d'azzardo.

Tuttavia, per attuare queste manovre finanziarie, il nuovo Governo avrà bisogno di una riforma ben strutturata.

Lo stesso vale per l'accordo sulla Riforma Fornero e per il programma sulla Flat Tax Salvini Di Maio.

Non ci rimane di attendere un primo disegno di legge.

 

Chi sostiene il Governo Italiano?

Chi sostiene il nuovo Governo Italiano? Il nuovo Governo è sostenuto dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega.

Silvio Berlusconi di Forza Italia è senza alcun dubbio il primo ostacolo del Governo.

Il leader di Forza Italia ha fatto sapere che non intende votare la fiducia al nuovo Esecutivo.

Ha deciso di farsi da parte ma allo stesso tempo ha detto che fa parte del Centrodestra.

Ma i malumori nel suo partito ci sono.

Il vicepresidente della Camera dei Deputati Mara Carfagna, ha evidenziato che se il nuovo Esecutivo non rispetta le linee guida dettate da Forza Italia si ritroverà il voto contrario di tutto il partito.

Questo sarebbe un duro colpo per Matteo Salvini che comunque ha tutti i numeri per governare con il Movimento 5 Stelle anche da solo.

Difficile quindi che Forza Italia voti per il reddito di cittadinanza.

Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia è sul forse, vuole prima vedere come vanno avanti le trattative ma sottolinea che la cosa più importante ora è cambiare la legge elettorale, per evitare che in caso di nuove elezioni si crei la stessa situazione.

Partito Democratico e Centrosinistra sarà all'opposizione, sia del Governo che del reddito di cittadinanza, una riforma in cui gli uomini del Pd non hanno mai creduto.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili