Guglielmo Epifani biografia del segretario del Pd deputato e Cgil

Guglielmo Epifani biografia del nuovo segretario del PD e Presidente della fondazione Cgil, curiosità informazioni dalla carriera politica al matrimonio

Commenti 0Stampa

La biografia di Guglielmo Epifani sindacalista della Cgil e politico italiano di centrosinistra.

 

Guglielmo Epifani biografia

La biografia di Guglielmo Epifani il sindacalista segretario della Cgil dal 2002 al 2010 e segretario generale del Partito Democratico (PD) dal maggio del 2013. Una biografia quella di Guglielmo Epifani che vede l’impegno sindacale e politico al centro della sua vita.

Guglielmo Epifani nasce a Roma il 24 marzo del 1950 da una famiglia di origina campana.

Il padre, Giuseppe Epifani, era un funzionario di un ente previdenziale ed era sempre stato legato al sindacato di Cannara. Durante la Seconda Guerra Mondiale Giuseppe Epifani conobbe Filomena a Montecorvino con cui si sposò subito dopo la fine della terribile guerra dando alla vita, nel 1950, il loro figlio Guglielmo.

Entrambi i genitori provenivano dalla regione Campania ma dopo tre anni dalla nascita di Guglielmo, è il 1953, furono costretti a trasferirsi da Roma al Nord Italia, precisamente a Milano dove rimasero per qualche anno.

Guglielmo Epifani così mantiene un ricordo sfocato della capitale e cresce nella città di Milano dove comincia gli studi, studi che però terminerà a Roma dato che la famiglia tornò nella capitale quando Guglielmo era ancora un ragazzo. Dopo essere tornata a Roma, nel quartiere di Talenti, la famiglia Epifani fa terminare gli studi a Guglielmo presso il Liceo ginnasio statale Orazio che si trovava proprio nello stesso quartiere di Talenti.

È il 1969 e l’appena diplomato Guglielmo Epifani decide di inseguire la carriera universitaria iscrivendosi all’Università di Roma La Sapienza alla Facoltà di Lettere e Filosofia. Portato per lo studio si laurea nel 1973 con una tesi sul Anna Kuliscioff, rivoluzionaria russa e principale esponente e fondatrice del Partito Socialista Italiano.

Dopo gli studi universitari s’iscrive al sindacato della Cgil dove per diversi anni lavora appunto come sindacalista. Brillante nel suo lavoro, Epifani comincia a dirigere nel 1974 l’Esi, Casa editrice della Confederazione. Grazie a questa esperienza riesce a farsi conoscere e a far notare le sue qualità, così nel 1976 riesce ad arrivare all’Ufficio sindacale occupandosi del coordinamento delle politiche contrattuali. Dopo l’esperienza presso l’Ufficio sindacale si sposta presso l’Ufficio Industria della Confederazione.

Fin dagli anni dell’università, ne è la prova la sua tesi di laurea, Guglielmo Epifani si avvicina alla corrente socialista italiana iscrivendosi al Partito Socialista Italiano (PSI).

Dopo i primi 5 anni di lavoro nel sindacato della Cgil diventa dirigente sindacale, è il 1979, presso lo stesso sindacato d’appartenenza con il compito di dirigere la categoria dei lavoratori poligrafici e cartai nel ruolo di segretario generale aggiunto.

Nel 1990 la sua carriera sindacale arriva ad un nuovo punto di svolta: Guglielmo Epifani entra nella segretaria confederale della Cgil e tre anni dopo, è il 1993, Bruno Trentin, partigiano sindacalista e politico italiano, nomina Guglielmo Epifani segretario generale aggiunto.

Bruno Trentin lascia la segretaria generale della Cgil a Sergio Cofferati. Nel 1994 Guglielmo Epifani viene nominato vice di Sergio Cofferati e ricoprirà tale ruolo fino al 2002.

Intanto, nel 1998, dopo la fine del Partito Socialista Italiano, Guglielmo Epifani si iscrive ai Democratici di Sinistra (DS), partito appena fondato.

È il 2002 e Guglielmo Epifani, grazie al suo curriculum di tutto rispetto nel contesto sindacale, viene nominato Segretario Generale della Cgil. Un ruolo che Epifani ha ricoperto fino al 2010. È il 16 ottobre del 2010 e durante la manifestazione dalla FIOM, Guglielmo Epifani fa il suo ultimo discorso come segretario generale a Piazza San Giovanni di Roma. Infatti il 3 novembre del 2010 è Susanna Camusso a prendere il suo posto.

Tre anni dopo, nel 2013, alle elezioni politiche del 2013 Guglielmo Epifani viene eletto come parlamentare alla Camera dei Deputati nelle liste del Partito Democratico precisamente nella circoscrizione Campania I.

Il 7 maggio del 2013 viene eletto presidente della X Commissione delle attività produttive, commercio e turismo.

Data l’instabilità all’interno del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani di dimette dalla carica di segretario generale. L’11 maggio del 2013 Guglielmo Epifani viene nominato segretario generale del Pd ottenendo l’85,8% dei voti (458 su 534).

 

Guglielmo Epifani Sposato

Guglielmo Epifani è sposato con la moglie Maria Giuseppina De Luca. Una storia d’amare, quella tra Guglielmo Epifani e la signora Maria Giuseppina De Luca, che va avanti da sempre. Infatti i due si sono conosciuti nei banchi di scuola del Liceo Orazio di Roma e da allora non si sono più separati.

Maria Giuseppina De Luca è dirigente di secondo livello dell’INAIL.

La signora e il signor Epifani non hanno mai avuto figli.

 

Guglielmo Epifani cade il segretario del Pd

Il segretario del Pd Guglielmo Epifani che cadedurante un intervento ad Avellino. Era una giornata particolare dato che il segretario generale del Pd si trovava a rispondere alla FIOM che lo aveva attaccato per via dell’ultimo sciopero. Un intervento molto lungo quello di Avellino in cui Epifani attaccò anche Beppe Grillo. Alla fine dell’intervento una brutta caduta, molto forte, che ha spaventato tutti i presenti. Mentre scendeva da palco Guglielmo Epifani ha inciampato contro un gradino cadendo di peso ed in maniera molto violenta. Dopo la caduta si è controllato polsi e gambe ed ha tranquillizzato i presenti facendo notare di non essersi rotto nulla.

 

Chi è Guglielmo Epifani il deputato?

Chi è Guglielmo Epifani il deputato sindacalista? Come prima cosa Guglielmo Epifani nasce come sindacalista dato che dopo la laurea in Lettere e Filosofia si è iscritto alla Cgil dove ha cominciato a lavorare, nel 1974, come sindacalista per poi arrivare al vertice, nel 2002, diventando segretario generale della Cgil.

Ma, tuttavia, Guglielmo Epifani è fin da giovanissimo vicino al Partito Socialista Italiano (PSI). Lo sta a dimostrare la sua tesi di laurea, discussa nel 1973. su Anna Kuliscioff, una rivoluzionaria russa e tra le principali fondatrici del Partito Socialista Italiano. Difatti Guglielmo Epifani è sempre stato iscritto, fino a quando il partito è stato sciolto, alla Partito Socialista Italiano. Nel 1998, Guglielmo Epifani ha aderito ai Democratici di Sinistra (DS) e successivamente al Partito Democratico con cui è stato letto, alle elezioni politiche del 2013, alla Camera dei Deputati e di cui è diventato, 11 maggio del 2013, segretario generale.

 

Guglielmo Epifani candidato presidente fondazione e Cgil

Guglielmo Epifani candidato presidente fondazione della Cgil di cui è diventato il segretario generale dal 2002 al 2010. Del resto la formazione di Epifani nasce proprio dal sindacato dato che dopo aver terminato gli studi universitari, 1973, ha cominciato a lavorare come sindacalista diventando, nel 2002, segretario generale della stessa Cgil. Nel 2002 ha lasciato tale incarico a Susanna Camusso, precisamente il 3 novembre del 2010.

Prima di ricoprire il ruolo più alto all’interno della Cgil, Epifani ha avuto un grande trascorso dentro il medesimo sindacato, trascorso che l’ha visto vicino a figure di enorme rilievo come Bruno Trentin e Sergio Cofferati.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili

Lascia un commento
Contatti