Mafia Capitale cos'è? Quali sono i legami con la politica romana?

Mafia Capitale, che cos'è e i legami con la politica, il mondo dello spettacolo e calcio con l'organizzazione Mondi di Mezzo di De Carlo ecco come funziona

Commenti 0Stampa

Mafia Capitale, che cos'è e tutti i nomi del mondo della politica e dello spettacolo (compresi quello del calcio) coinvolti nelle indagini dei carabinieri che hanno portato a diversi arresti nella capitale. Un'indagine che ha fatto emergere il forte legame tra il mondo della politica, quello dello spettacolo con quello criminale. Smentito ogni tipo di rapporto con il Movimento 5 Stelle che continua a combattere come movimento antimafia

 

Mafia Capitale che cos'è

Ecco che cos'è Mafia Capitale. Si tratta si una vera e propria organizzazione a delinquere di Roma. Detta anche Mondo di Mezzo, l'organizzazione criminale di stampo mafioso è stata conosciuta dall'opinione pubblica a seguito dell'arresto di una delle figure di spicco di Mafia Capitale, Giovanni De Carlo, personaggio che dirigeva i principali interessi dell'organizzazione, definito "il boss dei boss" da Ernesto Diotallevi, criminale della Bamda della Magliana. Dietro le indagini, che hanno portato all'arresto di diversi membri dell'organizzazione, sono spuntate diverse figure politiche e membri dello spettacolo che avevano a che fare con Mafia Capitale.

 

Mafia Capitale: i politici e la politica

Mafia Capitale si lega ai politici e alla politica italiana. Nelle indagini dei carabinieri esce un quadro sconvolgete per la penisola: l'organizzazione mafiosa sarebbe arrivata al mondo della politica per gli appalti del Comune di Roma e per quelli della Stessa Regione Lazio.

Dalle intercettazioni telefoniche dei Ros appare il nome di Micaela Campana del Pd, Enrico Gasbarra, Alemanno e di molti altri ancora. Non c'è ancora nulla di certo date le indagini in corso ma i fatti sembrano parlare chiaro. In una intercettazione dei carabinieri si risale alla voce di Buzzi che invitava a votare alle elezioni Europee per Enrico Gasbarra.

Quest'ultimo si è difeso dichiarando di non aver mai avuto nulla a che fare con l'organizzazione. Le indagini intanto proseguono e ed uscire alla luce del giorno sono nomi noti alle forze dell'ordine come quello di Massimo Carminati, uno dei membri della Banda della Magliana, che avrebbe successivamente collaborato come Mafia Capitale.

Gianni Alemanno è indagato per associazione mafiosa. Il 16 maggio del 2013 fu intercettato Salvatore Buzzi il quale intrattenne un dialogo che parlava di un suo incontro con Silvio Berlusconi organizzato proprio dell'ex Sindaco di Roma.

Massimo Carminati è stato anche intercettato al telefono con Paolo Pozzessere, ex direttore commerciale di Finmeccanica.

Le indagini proseguono e ogni giorno nuovi nomi escono tra il banco degli imputati in questa grande indagine che sembra veder coinvolto il mondo della politica con quello criminale.

A giugno 2015 una nuova ondata di arresti investe l'organizzazione malavitosa che ancora una volta da la conferma di essersi radicalizzata negli ambiti della politica italiana, soprattutto nel comune di Roma.

 

Mafia Capitale e i personaggi del calcio e dello spettacolo

Sono diversi i personaggi dello spettacolo e del calcio coinvolti con Mafia Capitale. Dalle indagini che hanno portato all'arresto di diversi personaggi interni all'organizzazione si è scoperto che De Carlo era ricercato da diversi personaggi famosi.
Lo scandalo arriva dopo che le intercettazioni telefoniche hanno dimostrato che molti nomi noti conoscevano l'organizzazione Mondo di Mezzo. Infatti un noto cantante napoletano, contattò De Carlo direttamente a casa, dopo che aveva subito un furto di orologi Rolex. Dopo la telefonata sembra che ci sia stato un incontro di circa 30 minuti nella casa del cantante e un membro dell'organizzazione, cosa ampliamente smentita dall'artista.
Insomma, i personaggi dello spettacolo e del mondo dello sport erano a conoscenza dell'organizzazione e contavano su di essa. I carabinieri hanno infatti intercettato una telefonata di un noto calciatore che aveva contattato Giovanni De Carlo dopo una lite in un locale (dove c'era anche Mehdi Benadia) dato che temeva ritorsioni.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti