Riforme Costituzionali storia, cosa sono a quante sono state fatte

Riforme Costituzionali storia fino al 2018: cosa sono? Quante sono state fatte? Come hanno cambiato la Carta Costituzionale e l'ordinamento giuridico?

Commenti 1Stampa

Riforme Costituzionali storia: cosa sono e quante sono state fatte? Dal 1947 ad oggi ci sono state 42 riforme costituzionali.

Scopriamo in questo articolo la storia delle riforme costituzionali del paese,

quante sono state fatte,

come hanno cambiato la vita politica del paese,

come hanno cambiato la vita istituzionale,

che tipo di costituzione ha l'Italia,

qual è la procedura per modificarla,

quali sono state le ultime riforme,

e cosa c'è da aspettarsi dal prossimo Governo.

 

Riforme Costituzionali storia

Riforme Costituzionali storia: le riforme costituzionali in Italia hanno cambiato diversi aspetti della vita politica del paese.

La recente storia ci ricorda la riforma costituzionale che Matteo Renzi ha provato a portare a termine vedendo una schiacciante sconfitta politica.

Infatti l'ex Presidente del Consiglio diede vita ad una grande sfida politica.

Spinse il suo Governo dentro una grande riforma costituzionale.

Matteo Renzi è stato il politico che ha provato ad eliminare il Senato della Repubblica.

L'Italia ha due Camere e per l'approvazione di una legge ci dev'essere la maggioranza di entrambe, che nel complesso formano il Parlamento.

Matteo Renzi era convinto di avere la maggioranza necessaria per cambiare questo aspetto del nostro ordinamento giuridico.

Le votazioni e il referendum costituzionale lo hanno fermato.

Questa è stata la storia che ha portato Matteo Renzi a dimettersi da Presidente del Consiglio.

Scopriamo nel dettaglio cosa sono le riforme costituzionali.

 

Riforme Costituzionali cosa sono?

La Riforme Costituzionali sono quei procedimenti che creano, modificano e abroga una legge della Costituzione.

La Costituzione Italiana è di tipo rigida, vale a dire che per essere modificata o abrogata una legge della Costituzione Italiana, c'è bisogno di un procedimento diverso da quello delle leggi ordinarie.

La procedura per dare vita ad una riforma costituzionale è prevista dall'articolo 138 della stessa Carta Costituzionale.

Tale procedura prende nome di procedimento aggravato.

La Costituzione Italiana è stata impostata in questi termini per fare in modo che possa essere modificata solo se c'è una larga maggioranza in Parlamento.

Per questo motivo i Governi che hanno provato a introdurre nuove norme costituzionali si sono ritrovati a dover avere una larga maggioranza.

Non sono stati pochi i politici che hanno provato a cambiare la costituzione.

Tanti di essi non sono riusciti nel loro intento.

 

Riforme Costituzionali quante sono state fatte?

Riforme Costituzionali quante sono state fatte? Dal 1948 al 2018 sono state 42 le riforme costituzionali approvate.

Dopo la dittatura fascista, i padri costituenti hanno pensato di adottare una costituzione di tipo rigida per fare in modo di rendere le leggi dello Stato sicure, di evitare che una piccola maggioranza potesse modificarle.

Questo è quello che a volte si verifica nelle Costituzioni di tipo morbido, dove le leggi della Costituzione sono regolamentate come semplici leggi dello Stato.

In vista della formazione del prossimo Governo si escludono, almeno per il momento, la possibilità di modifiche della Costituzione.

Le principali forze politiche non hanno menzionato nei rispettivi programmi la possibilità di apportare delle modifiche alla Carta Costituzionale.

Da questo punto di vista c'è anche da evidenziare che non ci sono i numeri.

L'instabilità politica del paese non permette di avere i numeri necessari per intraprendere un simile percorso istituzionale.

La sconfitta al referendum costituzionale per l'abrogazione del Senato di Matteo Renzi ne è stata la prova schiacciante.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?