Virginia Raggi biografia 2017 curriculum età peso altezza marito figli

Virginia Raggi biografia del sindaco di Roma del Movimento Cinque Stelle, gli studi e la carriera politica, il caso Olimpiadi Muraro Marra e Scarpellini

Commenti 0Stampa

Virginia Raggi biografia 2017 curriculum: Virginia Raggi è il primo sindaco di Roma donna eletta il 22 giugno 2016 e candidata con il Movimento Cinque Stelle fondato dal comico genovese Beppe Grillo e da Gianroberto Casaleggio. Ha sofdato in campagna elettorale Roberto Giacheti del partito democratico e Alfio Marchini candidato del centrodestra.

Ecco la biografia di Virginia Raggi, quando e dove è nata, gli studi fatti, il suo curriculum vitae, quando è stata eletta, peso, altezza, marito e figli e perché ha detto No alla candidatura della città di Roma per le Olimpiadi del 2024 e il caso dell'assessore all'ambiente della stessa giunta  Raggi Paola Muraro.

 

Virginia Raggi biografia 2017 età studi marito figli peso altezza

Virginia Raggi biografia 2017: Virginia Elena Raggi è nata a Roma il 18 luglio del 1978. Proviene dal quartiere Appio latino della Capitale.

Si è diplomata al liceo scientifico Isaac Newton e poi si è iscritta alla facoltà di Giurisprudenza presso l'Università di Roma Tre.

Dopo essersi specializzata in diritto civile, giudiziale e stragiudiziale ha ottenuto la laurea e nel 2003 ha iniziato la pratica forense presso lo studio di Cesare Previti e poi presso lo studio legale Sammarco ottenendo l’abilitazione alla professione di avvocato.

E’ nel 2007 che viene nominata cultrice della materia presso l'Università degli Studi di Roma Foro Italico.

Virginia Elena Raggi è sposata con il regista radiofonico Andrea Severini. Anche il marito è militante e attivista del Movimento Cinque Stelle.

I due hanno un figlio avuto nel 2010.

Qualche curiosità sulla Raggi: è alta 165 centimetri e pesa 53 chilogrammi e il suo segno è il cancro.

Per maggiori dettagli Virginia Raggi biografia 2017.

 

Virginia Raggi biografia 2017 curriculum Movimento Cinque Stelle

Biografia Virginia Raggi 2017: la neo sindaca di Roma, inizia la sua carriera politica come una delle fondatrici e attivista nel meetup – così si chiamano i comitati di quartiere/zona in cui si radunano gli attivisti del Movimento Cinque Stelle – fin dal 2011 nel XXIV di Roma.

Si candida alle elezioni comunali di Roma nel 2013 e ottiene 1525 voti di preferenza.

Da qui viene nominata consigliere comunale di Roma, occupandosi prevalentemente di tematiche scolastiche e occupazionali di Roma.

Quando il sindaco di Roma del Pd Ignazio marino decade, il Movimento Cinque Stelle organizza le primarie on line per nominare il candidato pentastellato per la corsa al Campidoglio.

Virginia Raggi risulta la più votata ottenendo 1764 preferenze su 3862 votanti, pari al 45,5 per cento.

 

Virginia Raggi sindaco Roma Movimento Cinque Stelle

E’ il 5 giugno 2016 quando, dopo una lunga campagna elettorale in cui ha avuto come sfidanti Roberto Giachetti del partito Democratico e Alfio Marchini eletto per il centrodestra, Virginia Raggi con il Movimento Cinque Stelle ottiene 461.190 voti ottenuti al primo turno delle elezioni amministrative (pari al 35,25%), risultando la candidata più votata.

La Raggi poi andrà in ballottaggio il 19 giugno seguente con Roberto Giachetti e vincerà le elezioni ottenendo 770 564 voti (67,15%).

Virginia Raggi viene eletta sindaco di Roma ottenendo il doppio primato sia perché donna sia perchè sindaco più giovane della storia della Capitale.

Una volta eletta primo cittadino di Roma, Virginia Raggi è anche Sindaco metropolitano di Roma Capitale.

Dicembre 2016: il braccio destro della sindaca Virginia Raggi, Raffaele Marra viene arrestato con l'accusa di corruzione insieme all'immobiliarista romano Sergio Scarpellini.

 

Virginia Raggi no Olimpiadi Roma 2024 caso Muraro

Uno dei primi atti da neo sindaco compiuto da Virginia Raggi  è stato il secco rifiuto alla candidatura della città di Roma ad ospitare le Olimpiadi del 2024.

Come ha sostenuto la stessa Raggi in conferenza stampa si tratterebbe di approvare le “Olimpiadi del mattone”.

"È da irresponsabili dire sì a questa candidatura. Stiamo ancora pagando i debiti per gli espropri di Roma 1960. Non abbiamo nulla contro le Olimpiadi e contro lo sport ma non vogliamo che lo sport venga usato come pretesto per una nuova colata di cemento in città. Diciamo No alle Olimpiadi del mattone. Vengono fatte tante promesse in occasione delle Olimpiadi. Ci ricordiamo bene come sono andati i Mondiali di Nuoto, ci siamo ritrovati con impianti abbandonati, inutilizzati che restano come scheletri e gusci vuoti. Le Olimpiadi sono un assegno in bianco che firmano le città ospitanti: ciò lo dice l'Università di Oxford in uno studio. Le Olimpiadi sono un sogno che diventa incubo. Non abbiamo dati di Rio ma abbiamo negli occhi le immagini degli abitanti di Rio".

Virginia Raggi oltre al caso delle Olimpiadi 2024 è stata oggetto di critiche per il caso del suo assessore all’ambiente Paola Muraro, indagata dalla procura di Roma per presunte violazioni di reati ambientali avvenuti quando era consulente dell’Ama Roma, Paola Muraro alla fine ha presentato alla sindaca le sue dimissioni.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili

Lascia un commento
Contatti