Bonus prima casa 2018: cos'è, come funziona e domanda acquisto casa

Bonus prima casa 2018: cos'è? Come funziona? Come fare la domanda bonus acquisto prima casa e l'agevolazione prima casa giovani? Guida alla detrazione Iva

Stampa

Bonus prima casa 2018: cos'è? Il bonus prima casa è un'agevolazione che nel 2018 vuole favorire i privati ad acquistare un'abitazione con una riduzione delle imposte.

Scopriamo in questo articolo come usufruire di questa agevolazione nell'acquisto della prima abitazione, in particolare:

cos'è il bonus prima casa;

come funziona;

quali sono i requisiti per ottenerlo;

come fare la domanda. 

 

Bonus prima casa 2018: cos'è?

Cos'è il bonus prima casa? Si tratta di un'agevolazione prevista dalla Legge di Bilancio 2018 che permette di godere di una riduzione delle imposte nell'acquisto della prima casa.

Come dice la parola stessa si tratta di un bonus legato all'acquisto della prima casa che il Governo ha voluto inserire nella Legge di Bilancio 2018 per fare in modo che ci sia una maggior facilità nell'acquisto di un'abitazione.

Infatti tutti coloro che vogliono richiedere il bonus prima casa oltre ad essere in possesso di diversi requisiti (che vedremo nell'ultimo paragrafo) non devono essere già titolari di un immobile nel Comune in cui intendono acquistare la prima casa.

Vediamo nel dettaglio come funziona il bonus prima casa.

 

Bonus prima casa come funziona?

Come funziona il bonus prima casa? Il bonus prima casa prevede una riduzione delle imposte per agevolare coloro che sono interessati ad acquistare un immobile

Il Governo ha voluto mettere in atto questa manovra per incrementare il mercato immobiliare e per rendere più semplice comprare una casa.

La prima riduzione si trova nell'imposta di registro che dal 9% passa al 2% quando il venditore è un privato oppure un'impresa che vende in esenzione Iva.

Se il venditore è un'impresa soggetta ad Iva ci sarà anche una riduzione sull'imposta del valore aggiunto che dal 10% passa al 4%.

All'imposta di registro e all'Iva al 4% si aggiunge l'imposta ipotecaria fissa a euro 200, l'imposta catastale fissa a euro 200 e l'imposta di registro fissa a euro 200.

Le agevolazioni sono previste anche nel caso in cui ci sia una donazione o una successione sulla prima casa.

Chi vende e acquista una prima casa sarà anche soggetto al credito d'imposta.

 

Bonus prima casa come fare la domanda?

La domanda per il bonus prima casa dev'essere fatta al momento dell'acquisto dell'immobile.

L'Agenzia delle Entrate ha creato una Guida Completa per il Bonus Prima Casa 2018 che aiuta tutti i soggetti interessati a capire meglio questo nuovo incentivo statale.

Il Bonus Prima Casa 2018 dopo la domanda può anche essere perso, come specificato sempre dall'Agenzia delle Entrate, nel caso in cui:

  • vengano dichiarate falsità durante la domanda o l'atto di compra vendita;
  • nel caso in cui entro 18 mesi dall'acquisto dell'immobile non ci sia il trasferimento della residenza dove è ubicato l'immobile.

Nel caso in cui il bonus prima casa decade il soggetto interessato dovrà versare tutti gli importi di cui ha usufruito con l'agevolazione in essere.

Ma vediamo ora nel dettaglio i requisiti di quest'anno per il bonus prima casa. 

 

Agevolazione prima casa requisiti 2018

Ci sono diversi requisiti che bisogna avere per ottenere il bonus prima casa.

La residenza è il primo requisito che dev'essere soddisfatto per avere il bonus prima casa. Infatti il soggetto che richiede il bonus prima casa dev'essere residente nello stesso Comune in cui acquista l'abitazione.

Nel caso in cui non ha la residenza nello stesso Comune deve dimostrare che svolge una qualche attività nel luogo in cui vuole acquistare, oppure che si tratta di un lavoratore che è stato trasferito in altro Comune o paese.

Possono usufruire del bonus prima casa anche gli italiani residenti all'estero che devono dimostrare la loro condizione con il certificato AIRE.

Un altro requisito molto importante è quello della categoria catastale dato che il bonus prima casa è previsto per:

  • abitazioni civile (A/2);
  • abitazioni popolare (A/4);
  • abitazioni ultrapopolare (A/5);
  • abitazioni villini (A/7);
  • abitazioni economico (A/3);
  • abitazioni rurali (A/6);
  • abitazioni tipici dei luoghi (A/11).

Come evidenziato, rimangono esclusi dal bonus prima casa i seguenti immobili:

  • A1;
  • A8;
  • A9.
COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Informativa

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Puoi negare o modificare le tue preferenze sui cookie in qualsiasi momento sulla nostra Cookie Policy. Se vuoi saperne di più su come gestiamo la tua privacy consulta la nostra Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso di tutti i cookies.