Fattura elettronica carburanti 2018: cos'è, come funziona e ricevere

Fattura elettronica carburanti 2018: cos'è, come funziona, come ricevere la fattura elettronica carburante dell'Agenzia delle Entrate da luglio prossimo

Stampa

Fattura elettronica carburanti 2018: cos'è? La fattura elettronica carburante è il nuovo obbligo di fatturazione per la cessione del carburante.

Si tratta di un obbligo previsto dalla nuova legge di bilancio.

Dal prossimo luglio dovrà essere adottata.

Scopriamo in questo articolo tutto quello che è bene sapere per non rischiare alcuna sanzione, in particolare:

cos'è la fatturazione elettronica;

come funziona;

come riceverla;

le scadenze.

Ecco la guida alla fatturazione elettronica carburante 2018. 

 

Fattura elettronica carburanti 2018

Fatturazione elettronica carburanti 2018: si tratta di un obbligo.

Dal prossimo 1° luglio 2018 sarà obbligatorio per la cessione di carburante.

Fatturazione elettronica 2018: questa è la prima anticipazione per quanto riguarda questo nuovo metodo di pagamento.

Infatti la fattura elettronica carburanti anticipa un discorso molto più ampio che è stato rimandato al 2019.

Bisogna vedere come il nuovo Governo si relazionerà a questo aspetto ma dal prossimo anno la fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva saranno obbligatorie.

Difficile pensare ad retromarcia.

Infatti sono tanti gli aspetti positivi che questo nuovo strumento dell'Agenzia delle Entrate e del Fisco italiano.

Scopriamo la fatturazione elettronica carburanti di luglio 2018.

 

Fattura elettronica carburanti cos'è?

Fattura elettronica carburanti cos'è? La fattura elettronica carburanti 2018 è il nuovo metodo di fatturazione per la cessione di carburanti.

Questo riguarda motori a benzina o di gasolio e per tutte quelle prestazioni fatte da subappaltatori e subcontraenti in quelli che gli appalti di lavori, servizi e anche le forniture per la Pubblica Amministrazione.

L'Agenzia delle Entrate ha specificato le nuove direttive tramite la circolare 8/E del 30 aprile 2018.

Secondo quest'ultima saranno esclusi:

  • motori di gruppi elettrogeni;
  • carburanti per attrezzi vari;
  • impianti per il riscaldamento.

Ma questo solo in un primo momento dato che dal prossimo anno sarà obbligatoria per tutti.

Vediamo nel paragrafo che segue come funziona.

 

Fattura elettronica carburanti come funziona?

Fattura elettronica carburanti come funziona? Si tratta di un sistema di fatturazione elettronico previsto dalla legge di Bilancio 2018.

Tutti i possessori di PI saranno soggetti a questo adempimento a partire dal 1° luglio 2018.

Tuttavia la fatturazione elettronica non dev'essere usata nelle singole situazione.

Infatti bisogna utilizzare la fattura elettronica quando si acquista a nome della ditta o del possessore di PI.

Imprese e professionisti quindi dovranno utilizzare questo metodo dichiarandolo.

Quando il singolo privato va ad acquistare carburante non deve emettere o richiedere la fatturazione elettronica.

In questo caso il rivenditore non emette la fattura elettronica ma trasmette l'operazione all'Agenzia delle Entrate.

Quindi il Fisco Italiano avrà traccia di tutte le operazioni.

 

Come ricevere la fattura elettronica carburanti

Come ricevere la fattura elettronica carburante? Si tratta dell'emissione di una fattura in formato elettronico.

Questa prevede tutti i dati dei soggetti interessati, in particolare:

  • dati dei soggetti interessati;
  • ora e data dell'emissione;
  • importo e aliquota;
  • firma elettronica.

L'emissione della fattura elettronica deve sempre avvenire entro la fine della giornata lavorativa.

Scadenze e proroga: la fattura elettronica carburante partirà dal prossimo 1° luglio 2018.

Quest'obbligo è per:

  • rivenditori di carburante;
  • chi acquista carburante a nome della propria azienda;
  • chi acquista carburante come professionista.

L'utilizzo della fatturazione elettronica è quindi escluso per gli acquisti tra consumatori privati.

La nuova legge di bilancio 2018 non solo introduce la fattura elettronica carburanti a partire dal prossimo 1° luglio ma specifica l'abolizione della scheda carburante.

Infatti da quest'anno le cose cambieranno dato che gli acquisti di carburante dovranno essere tracciati con pagamento legato alla carta di credito, carta di debito o carta prepagata.

Questi sono i punti importanti che è bene conoscere per la fatturazione elettronica carburanti.

Ora bisogna vedere come il nuovo Governo si relazionerà a questo nuovo metodo.

Anche se lo scenario politico è completamente cambiato è difficile pensare che ci sia una retromarcia su questo argomento.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili

Informativa

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Puoi negare o modificare le tue preferenze sui cookie in qualsiasi momento sulla nostra Cookie Policy. Se vuoi saperne di più su come gestiamo la tua privacy consulta la nostra Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso di tutti i cookies.