Sergio Costa biografia 2018 candidato del Movimento 5 Stelle Ministro

Sergio Costa biografia 2018: chi è? Generale dei Carabinieri e candidato come ministro dell'Ambiente alle elezioni politiche. Curriculum e vita privata

Stampa

Sergio Costa biografia 2018: chi è? Sergio Costa è un generale dei Carabinieri oggi candidato nel Movimento 5 Stelle.

Il suo nome è noto in Italia e nel mondo per importanti battaglie legate all'Ambiente (Sergio Costa è stato colui che ha scoperto la Terra dei Fuochi).

Scopriamo in questo articolo la biografia di Sergio Costa;

chi è;

la candidatura nel Movimento 5 Stelle;

il suo curriculum;

la vita privata.

 

Sergio Costa biografia

Sergio Costo biografia 2018: Sergio Costa è un generale dell'Arma dei Carabinieri che nel corso del 2018 è stato indicato dal leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio come possibile ministro dell'Ambiente in quello che potrebbe essere il Governo del Movimento 5 Stelle.

Una scelta davvero idonea se guardiamo al suo curriculum: laureato in Scienze Agrarie, master in Diritto dell'Ambiente, uomo che ha scoperto la Terra dei Fuochi.

Ma andiamo con ordine.

Sergio Costa nasce a Napoli nel 1959.

Finite le scuole superiori si iscrive alla Facoltà di di Scienze Agrarie dove si laurea.

Laurea alla mano, si specializza in Diritto dell'Ambiente con un master.

Terminati gli studi Sergio Costa entra a far parte del Corpo Forestale occupandosi fin da subito dei problemi relativi all'ambiente.

Diventa Comandante della Regione Campania nel Corpo Forestale.

All'inizio del Nuovo Millennio Sergio Costa partecipa ad una grande indagine che gli permettono di scoprire la famosa Terra dei Fuochi, un territorio che va dalla provincia di Napoli fino alla provincia di Caserta in cui venivano gettati rifiuti tossici pericolosi delle organizzazioni criminali.

Nel 2016 il Corpo Forestale viene sciolto e incorporato in quello dell'arma dei Carabinieri, così Sergio Costa passa da Comandante a Generale di Brigata dei Carabinieri.

Il nuovo Governo Italiano Lega M5S cambia tutto: quale sarà il ruolo di Sergio Costa ora?

 

Sergio Costa candidato del Movimento 5 Stelle come ministro dell'ambiente

Alla fine dello scorso febbraio, Sergio Costa è stato nominato da Luigi di Maio possibile ministro dell'Ambiente in un Governo che il Movimento 5 Stelle vorrebbe formare in caso di vittoria.

Sergio Costa ha accettato questa sfida.

Dato il suo curriculum e la sua carriera contro i crimini legati all'ambiente non si può negare che si tratti di una persona decisamente indicata in questo ruolo.

Luigi Di Maio ha voluto essere chiaro con i cittadini italiani prima del voto del 4 marzo 2018 e questo lo ha portato a dichiarare a tre giorni dalle elezioni la sua possibile squadra di Governo, formata da 18 persone (lo stesso Di Maio incluso).

Questa mossa politica vuole sicuramente dare la dimostrazione agli elettori che all'interno del Movimento 5 Stelle ci sono persone competenti pronte a governare il paese.

Inoltre con la presentazione anticipata dei suoi ministri, Luigi Di Maio ha voluto contrastare l'idea di ritardi nel creare un Governo come successe a Virginia Raggi nella Giunta di Roma.

Ora non rimane che attendere cosa ne pensano gli elettori di questa proposta del Movimento 5 Stelle.

Scopriamo ora il curriculum di Sergio Costa.

 

Sergio Costa curriculum

Il curriculum di Sergio Costa è quello di un uomo che ha dedicato la sua intera vita alla lotta ai crimini contro l'ambiente.

La scoperta della Terra dei Fuochi ne è l'esempio concreto: grazie a Sergio Costa è stata scoperta questa discarica di oltre 1000 km tra Napoli e Caserta in cui venivano dispersi rifiuti tossici e pericolosi.

Laurea di Scienze Agrarie, master in Diritto dell'Ambiente, Sergio Costa è entrato a far parte del Corpo Forestale molto giovane.

Qui è diventato Comandante della Regione Campania, un ruolo che gli ha dato la possibilità di arrivare alla Terra dei Fuochi e di fermare crimini pericolosi contro l'ambiente.

Quando nel 2016 è diventato Generale di Brigata dell'Arma dei Carabinieri il suo lavoro è andato avanti con numerosi indagini e arresti legati alle organizzazioni criminali che in Italia operano ai danni dell'ambiente e dei cittadini.

La chiamata nel Movimento 5 Stelle al Ministero dell'Ambiente potrebbe essere lo sviluppo di quella che fino ad oggi è stata una carriera brillante: del resto chi meglio di Sergio Costa potrebbe ricoprire questo incarico?

Saranno gli elettori italiani a decidere il prossimo 4 marzo 2018.

 

Sergio Costa vita privata

Non c'è molto da sapere sulla vita privata di Sergio Costa dato che i suoi delicati incarichi lo hanno portato sempre a rimanere un po' nell'anonimato.

Il suo nome era già su tutti i giornali al tempo della Terra dei Fuochi.

Oggi tutti parlano di lui per questo incarico.

La vita privata di Sergio Costa ci racconta di un uomo che ha messo in primo piano nella sua esistenza la lotta alla criminalità, specialmente quella legata ai rifiuti e ai crimini contro l'ambiente.

Un ruolo importante in un paese come l'Italia, dove i rifiuti continuano ad essere oggetto di continui attacchi da parte delle principali organizzazioni mafiose.

Difatti la figura di Sergio Costa al Ministero dell'Ambiente non trova nemmeno grandi scontri politici: come criticare una scelta simile?

Le uniche critiche che Luigi Di Maio ha ricevuto fino ad oggi sono state quelle di Paolo Gentiloni, l'ex Presidente del Consiglio, che ha dichiarato inaccettabile presentare i ministri prima delle elezioni.

A quest'ultima critica Luigi Di Maio ha risposto che ci tiene ad essere chiaro con gli italiani, a far capire agli elettori chi voteranno alle prossime elezioni, criticando i condannati che il Partito Democratico e il Centrodestra hanno nelle loro liste per le prossime elezioni politiche 2018.

Saranno comunque gli italiani a decidere se questa è stata una mossa vincente o meno.

COPYRIGHT POLITICANTI.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Informativa

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Puoi negare o modificare le tue preferenze sui cookie in qualsiasi momento sulla nostra Cookie Policy. Se vuoi saperne di più su come gestiamo la tua privacy consulta la nostra Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso di tutti i cookies.